Non sappiamo perché, ma quando si parla di potatura non ci sono vie di mezzo: c’è chi non tocca mai le sue piante e altri che invece tagliano come se non ci fosse un domani.

Dal blog di ManoMano vi vogliamo aiutare ad orientarvi su quando potare due delle piante più tipiche e presenti nei nostri giardini.

Ecco i nostri consigli su quando potare e come! 

Avrete bisogno di:

Quali piante devono essere potate e quando?

La risposta migliore è che non bisogna potare tutte le piante e nemmeno nello stesso momento dell’anno.
Ad esempio, le ortensie fioriscono sulle gemme che hanno formato l’anno precedente. Se le potiamo in inverno andiamo ad eliminare queste gemme e durante l’anno non avremo fiori. Il miglior momento per farlo è
appena dopo la fioritura, quando tagliamo i fiori che sono appassiti.

Quando potare le rose

Le rose vanno potate in primavera per ringiovanire la pianta e stimolarne la crescita. Eliminate tutti i rami morti o malati e quelli che hanno l’interno di color marrone: ciò vuol dire che il freddo dell’inverno li ha congelati.

Tagliate sempre appena sopra di un bocciolo che cresca verso l’esterno della pianta, a circa 5 o 6 mm di distanza. In questo modo permetteremo al nutrimento di raggiungere il bocciolo con normalità, favorendone la crescita.

È importante anche ricordarsi di eliminare tutti quei ramoscelli che appaiono alla base della pianta. È molto probabile che la nostra rosa sia innestata e lasciar crescere quei rami non solo toglierà nutrimento agli altri, ma può addirittura arrivare ad uccidere la parte innestata.

quando potare

Quando potare i gerani

I gerani vanno potati tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. Rinforzeremo la pianta ed andremo ad eliminare tutti i rami grossi e non produttivi che li sfigurano.

La potatura del geranio è molto drastica, lascia infatti la pianta quasi a livello del terreno, però è davvero necessaria. Dobbiamo ricordare che ogni rametto che taglieremo permetterà a dei nuovi di apparire, ed è quello il nostro interesse, non è vero?

Eliminate ogni ramo malato o debole e tutti quelli che non rispecchiano la forma che le vogliamo dare. I gerani sono più belli quando si vedono compatti e pieni di fiori.

Non dimenticate che da tutti i rami che abbiamo tagliato possiamo ricavare delle talee di piante nuove. Tagliate la base, applicate del concime o ormoni radicanti e piantatela in un vaso con del terriccio nuovo.

Durante la stagione della fioritura, elimina qualsiasi fiore che inizia ad appassire. Questo permetterà alla pianta di continuare a produrre nuovi fiori, anziché sprecare preziosi nutrienti per la produzione di semi. Taglia i rametti nella sua parte più bassa, dove si unisce con lo stelo principale, per attivare i germogli latenti, che inizieranno a crescere e creare nuovi boccioli.

quando potare

Consigli per la potatura

  • Non dimenticate che un taglio è una piccola ferita che facciamo alla pianta. Per evitare che sia un centro di possibili infezioni vi raccomandiamo di utilizzare della pasta cicatrizzante quando il taglio abbia un diametro superiore ai 5 mm. Coprite la zona con questa resina speciale e spalmatela con il dito fino ai lati dello stelo. La pasta contiene fungicida, che eviterà ogni tipo di infezione. Da tenere a portata di mano non solo per le potature, ma anche nei casi di rotture accidentali delle nostre piante, innesti o danni causati dal gelo o dalla grandine.
  • Ricordiamo di praticare un minimo di manutenzione ai nostri attrezzi da taglio.
    Puoi scoprire qui come pulirli. 
  • Una delle più importanti è disinfettarli con alcool se abbiamo lavorato su una pianta che pensiamo malata, per evitare di trasmettere la malattia alle altre.
  • Un attrezzo da taglio di qualità ci accompagnerà durante molti anni. Sarà sufficiente ripulirlo bene una volta terminato l’uso e lubrificarlo. Vi suggeriamo di scegliere marche note, in modo da poter trovare parti sostitutive in caso di necessità e risparmiare sull’acquisto di un nuovo attrezzo.
  • Infine, non dimenticate di concimare le vostre piante. Hanno resistito ai giorni freddi dell’inverno e li abbiamo stressati con la potatura, si meritano adesso di ricevere un aiuto che permetterà loro di crescere e donarci bellissimi fiori, non ti sembra?

Speriamo che questi suggerimenti vi siano di aiuto e che questa primavera le vostre piante siano in forma e piene di fiori.
Alla prossima!

 

 

2 Comments

  1. Dovreste essere piu approfonditi nelle cose però, c esempio, esestono Rose che non servono essere potate se non ogni 2-3 anni x eliminare il seccume o le rampicanti c diradare e indirizzare la crescita, le antiche vanno potate dopo la fiorirura alla fine dell’estate x srimolare la crescita e fioritura dell’anno dopo, xché non tutte le rose fioriscono sui ri dell’anno, ecc, ecc…buon lavoro…

Leave a Reply