Condividi:

Stai pensando di ristrutturare il bagno? In tal caso, potresti voler evitare alcuni errori che spesso si verificano durante i lavori di ristrutturazione. Alcuni errori possono apparire lievi al principio, ma potrebbero causare un vero e proprio disastro sul lungo termine. Gli errori durante il rinnovo del bagno possono risultare molto cari da riparare, oltre a richiedere tempo. 

Bisogna rendersi conto che il bagno è l’unico luogo della casa sottoposto a condizioni ambientali difficili: può diventare molto umido e sperimentare una vasta gamma di temperature. Alte temperature e umidità creano terreno fertile per le muffe, soprattutto se il bagno è privo di ventilazione. 

Il bagno prevede un uso costante, non solo da te, ma anche dagli ospiti che ricevi a casa. È quindi bene dedicare la giusta attenzione e il budget adeguato ai lavori di rinnovo, onde evitare i 5 errori più frequenti nel ristrutturare il bagno:

1. Disposizione non efficiente

Il bagno dovrebbe rispettare una disposizione volta a garantire il massimo comfort durante l’utilizzo. Gli elementi da installare non devono occupare tutto lo spazio. In alcuni casi non viene lasciata un’area sufficiente ad accedere comodamente alla doccia: utilizzandola ogni giorno, finiremo per avvertire come un’esperienza spiacevole quella che invece dovrebbe darci la carica al mattino o aiutare a rilassarci al termine di una lunga giornata.

Disegnando un piano in scala, le misure possono aiutarci nel definire la disposizione del bagno. In caso, puoi farti aiutare da un professionista: molti offrono dei servizi di progettazione gratuiti con disegni CAD in 3D, e avere così consigli utili e ingegnosi per massimizzare lo spazio sfruttandolo al meglio. Ti sarà sicuramente di aiuto per evitare molti errori di disposizione che si verificano nel ristrutturare il bagno.

2. Mobiliario e sanitari di scarsa qualità

Quando si tratta di mobili e accessori per il bagno, è importante scegliere con cura. Nonostante un miscelatore possa sembrare lucido e bello, la qualità del suo rivestimento cromato potrebbe non essere eccellente e quindi non durare nel tempo. Alcuni potrebbero addirittura essere sensibili a prodotti di pulizia più aggressivi, come ad esempio la candeggina. Vale la pena investire denaro in marchi noti quando si tratta di rubinetti e raccordi metallici. Se vuoi il meglio, prendi in considerazione l’uso dell’acciaio inossidabile ove possibile, poiché molto resistente alla corrosione. 

Un altro elemento importante per il bagno è la doccia. Conviene investire in un box doccia con buone guarnizioni. Solitamente le docce semplici rimangono più pulite e più a lungo di quelle con molte scanalature e bordi. Le docce walk-in, senza telaio, richiedono una manutenzione ridotta poiché sono costruite con meno parti.

3. Ventilazione inefficiente

Questo è probabilmente uno degli errori più comuni durante i lavori di ristrutturazione del bagno: quando un bagno ha una ventilazione inadeguata, iniziano a sorgere problemi. Una ventilazione inefficiente può essere un terreno fertile per la muffa. Inoltre, la mancanza di ventilazione può causare la formazione di condensa, causando macchie di umidità sulle pareti. Qualsiasi materiale all’interno del bagno che assorba naturalmente l’umidità, come il legno, potrebbe alla lunga risultare danneggiato. 

Se il bagno non è dotato di finestra, è bene utilizzare ventole di estrazione che sfiatano direttamente all’esterno, anziché far ricircolare l’aria. Esistono molti tipi di aspiratori che si attivano in diversi modi: tramite l’interruttore della luce, con cavo di trazione, con sensore di movimento o persino con sensore di umidità. Personalmente, preferisco le ventole di estrazione attivate dall’interruttore della luce perché possono essere spente immediatamente quando esco dal bagno.

4. Piastrelle e rivestimenti inadatti

Questo è un altro problema comune tra coloro che si trovano a rinnovare il loro bagno. Sapevi che alcuni rivestimenti richiedono la sigillatura? Se non viene eseguita correttamente, è probabile che la muffa cresca all’interno dei pori del materiale delle piastrelle. Verifica sempre con il produttore se i tuoi rivestimenti devono essere sigillati prima dell’applicazione. 

Un’altra cosa importante è la malta per le piastrelle. La malta per piastrelle è ciò che ha più probabilità di ammuffire nel tuo bagno. Pertanto, potrebbe essere una buona idea avere meno malta installando quindi piastrelle molto grandi. Un altro consiglio è quello di considerare colori alternativi dello stucco per piastrelle, come ad esempio il grigio scuro. Non solo ci sono tantissimi colori tra cui scegliere che potranno dare un aspetto originale e diverso al tuo bagno, ma aiuteranno anche a nascondere l’eventuale muffa che potrebbe presentarsi negli anni a venire.

5. Pavimentazione inadatta

I pavimenti del bagno si bagnano quotidianamente, motivo per cui è importante selezionare un pavimento adatto. La maggior parte delle persone ne sottovaluta l’importanza. Se scegli delle piastrelle, assicurati che abbiano una superficie ruvida. L’installazione di piastrelle lisce sul pavimento del bagno può risultare pericolosa quando si bagnano. Una pavimentazione antiscivolo ti aiuterà a prevenire lesioni inutili, soprattutto quando esci dalla vasca o dalla doccia. 

Alcune persone pensano di poter usare il normale pavimento in legno laminato. Tuttavia, scoprono presto che l’acqua può penetrare nella struttura in legno, facendolo gonfiare e rompere. Se ti piace l’effetto legno laminato, ti consigliamo di utilizzare Luxury Vinyl Tiles (LVT) o pavimentazioni viniliche. Sono simili ai pavimenti in laminato, seguono lo stesso sistema di montaggio, ma la differenza è il materiale, in quanto sono 100% plastica e quindi impermeabili, ideali per i lavori di ristrutturazione del bagno!

Sei in procinto di ristrutturare il bagno o hai appena concluso i lavori di rinnovo? In entrambi i casi, prima di metterti all’opera o come premio per il lavoro ben svolto, eccoti un’idea per passare piacevolmente un po’ di tempo in relax con una spa nel tuo bagno!


Condividi:

Rispondi