Condividi:

Oggi scopriamo una pianta fantastica da coltivare in interni, ecco come conoscere e coltivare la Peperomia: fa parte della famiglia delle Piperaceae, sopravvive bene in un’ampia varietà di condizioni ed è dotata di un fogliame sorprendente. Poiché non richiede particolari attenzioni nell’irrigazione, è il regalo perfetto per le persone sbadate che “si dimenticano di avere delle piante”.

La maggior parte delle varietà provengono da climi tropicali e si comportano come piante perenni. Sebbene siano in grado di fiorire, sono coltivate principalmente per il loro fogliame. Compatte nell’aspetto, la maggior parte delle piante può essere coltivata senza problemi in piccoli vasi, poiché di solito non superano un’altezza di 20-30 cm.

Devo confessare che acquistai la mia prima Peperomia pensando che fosse una pianta grassa. Molte varietà hanno infatti la capacità di immagazzinare acqua nelle loro foglie e steli, per questo sono da alcuni considerate come piante semi-grasse. Un punto a loro favore: quelle con foglie spesse devono essere annaffiate meno frequentemente di quelle con le foglie più sottili.

Come coltivare la Peperomia

Luce

Come regola generale, sono piante a cui piace molto la luce, ma non il sole diretto. A conferma di quanto appena detto, volevo mostrarvi una foto della mia Peperomia albovitatta (chiamata anche “coda di topo”) e di come il verde delle sue foglie abbia perso intensità. Era sulla finestra della cucina, che riceve molto sole per un paio d’ore a mezzogiorno. Per questo motivo il suo fogliame ha perso colore. Non è stato a causa dell’irrigazione o perché malata. Il sole le ha semplicemente “sbiadite”.

In luoghi con scarsa illuminazione, le varietà con foglie variegate (di diversi colori o tonalità) perdono invece contrasto.

Se noti che la pianta si sta allungando troppo, puoi cambiarla di posizione e tagliare le foglie di troppo. Potrai usarle per farne delle talee e la pianta ritroverà il suo aspetto compatto.

Prima di pensare di trapiantare la tua nuova Peperomia in un vaso più grande, trovale una posizione adatta, dove possa crescere felice. 

Sono situazioni che possono risultare stressanti e il trapianto può essere posticipato di alcune settimane, non è una priorità.

I fiori della Peperomia

I fiori della Peperomia non sono spettacolari, ma decisamente molto curiosi. Hanno forma allungata e un colore che a volte li lascia passare inosservati.


Fiore di Peperomia columella

Terriccio

Sono piante che preferiscono un terriccio spugnoso con un buon drenaggio, in questo modo eviteremo qualsiasi eccesso di umidità che potrebbe danneggiare le radici. 

È possibile utilizzare qualsiasi tipo di terriccio universale miscelato con perlite o con sabbia grossa. 

Quando la pianta cresce, non è necessario trapiantarla immediatamente in un vaso più grande. È vero che questo permette alla pianta di continuare a svilupparsi, ma le sue dimensioni compatte vengono mantenute proprio cambiando il vaso ogni uno o due anni.

Irrigazione

La Peperomia non ha bisogno di molta acqua e, come succede con altre piante, si riprende meglio dalla sua mancanza che da un eccesso. Di solito la innaffio una volta alla settimana, ogni 10 giorni per le varietà a foglia spessa. Il trucco per non esagerare con l’acqua è lasciare asciugare il terreno tra un’annaffiatura e l’altra.

Anche le dimensioni del vaso influiscono, per questo ti consiglio di soppesarlo una volta finito di annafiare per controllare il peso della pianta e del vaso quando il terreno è completamente bagnato.

Quando sei in dubbio e non sai se ha ancora bisogno di acqua, oltre a osservare lo stato delle foglie, sollevala e tienila in mano. Un peso leggero è anche indicativo di un terriccio secco.

Un vaso piccolo può aver bisogno di acqua ogni 5 o 6 giorni, mentre una fioriera o un vaso più grande può arrivare fino a 15. 

Fertilizzanti

Consigliamo di utilizzare un concime per piante verdi una volta al mese durante il periodo di crescita, che va dalla primavera fino a fine estate.

Ti sono rimasti altri dubbi su come conoscere e coltivare la Peperomia? Ci farebbe piacere vedere le foto delle vostre piante, siamo pronti a rispondere alle vostre domande nei commenti!

Condividi:

Rispondi