Condividi:

È giunto il momento di far germinare e crescere tutti i tipi di piante, ti suggeriamo di creare il tuo semenzaio con qualcosa di comune come la carta da giornale. Resiste perfettamente all’umidità, utile perché ci consente di riciclare e sono facilissimi da realizzare, tienila presente come attività da svolgere con i bambini!

Cosa sono i semenzai

I semenzai sono recipienti di piccole dimensioni che ci permettono di seminare qualsiasi tipo di seme. Vanno riempiti con terriccio per la semina, si aggiungono i semi e si lascia crescere la pianta fino a quando non raggiunge le dimensioni adatte per trapiantarla nell’orto o nel giardino.

Si trovano in commercio di diversi materiali: vassoi riutilizzabili con alveoli in plastica o polistirolo, vasetti di torba pressata, con o senza coperchio per mantenere costanti umidità e temperatura, ecc. 

I semenzai in carta di giornale sono un’alternativa ugualmente efficace ma molto più rispettosa dell’ambiente essendo biodegradabili. Nel momento del trapianto possiamo srotolare con attenzione il giornale per introdurre nel terreno le radici della pianta, oppure trapiantarla direttamente con la carta, poiché con l’umidità del terreno verrà compostata senza problemi.

Possiamo anche utilizzarli per riprodurre le piante per talea, in quanto il diametro può essere modificato a seconda del contenitore che utilizziamo come matrice. 

Materiale necessario per preparare un semenzaio con carta di giornale

  • Carta di giornale
  • Forbici
  • Rotolino di cartone interno della carta igienica
  • Un righello, il manico di qualche attrezzo, come il martello… ci servirà per completare il semenzaio.
  • Terriccio per semenzai
  • Semi di fiori, piante aromatiche, ortaggi, ecc.

Come realizzare vasetti in carta di giornale passo dopo passo

Usa un foglio intero oppure se è troppo grande taglia il giornale a metà in orizzontale. Piega il foglio a metà sempre in orizzontale e posizionalo davanti a te, perpendicolare.

Posiziona il rotolo di cartoncino della carta igienica su una estremità. Procedi nello stesso modo se decidi di preparare dei semenzai più grandi, utilizzando altri contenitori come matrice.

È importante che una piccola parte del rotolo resti scoperta dalla carta come mostrato nell’immagine. Se l’hai piegato come me, lascia libera la parte aperta del foglio, per facilitare le operazioni di chiusura.

Arrotola la carta intorno al rotolo, nel modo più regolare e stretto possibile. Se risulta allentato, il contenitore che otterremo alla fine sarà meno stabile e si potrà smontare facilmente.

Una volta arrotolato il tutto, sostienilo con una mano e inizia piegare la carta (dal lato in cui internamente non è presente il rotolo) verso l’interno. Così formeremo la base del contenitore, è quindi importante che ci siano alcuni centimetri di carta. Se ne hai lasciato poca, al piegare la carta la base non verrà ricoperta interamente, ma rimarrà un foro, rendendolo inutilizzabile.

Posiziona il contenitore sulla sua base e con l’aiuto di forbici, righello o il manico di un martello appiattisci internamente la carta, in modo da dargli stabilità e rafforzarlo.

Mantieni la base del contenitore con una mano e rimuovi il rotolo all’interno. Il segreto sta nel non stringere la base, per sfilarlo facilmente.

Ecco fatto, il tuo semenzaio è pronto! Ora puoi riempirlo di terriccio e piantare i tuoi semi, o usarlo per le talee. Puoi consultare i tutorial su semina e trapianto che abbiamo già pubblicato sul blog di ManoMano, oltre ai calendari mensili per sapere sempre cosa si può seminare, in qualsiasi momento dell’anno.

Come ti sembrano questi semenzai? Hai già provato a far germogliare semi? Saremo felici di rispondere a qualsiasi domanda e speriamo di vedere le tue piantine tra i commenti!

Condividi:

Rispondi