Condividi:

Chi ha detto che non si possono piantare i bulbi in vaso? Pur invidiando quei bellissimi giardini che si vedono sui social possiamo sempre riempire di bulbi i vasi e le fioriere di terrazze e balconi: ecco alcuni semplici consigli da mettere in pratica per poter godere di fioriture spettacolari.

La coltivazione “a lasagna” in vaso

I crochi sono bulbi della stessa famiglia dello zafferano. Attenzione però, in questo caso i pistilli non sono commestibili!

La coltivazione “a lasagna” è una tecnica che si utilizza per piantare diverse varietà di bulbi in un contenitore. I bulbi vanno distribuiti su diversi strati o piani di terra alternati, in modo da formare una specie di lasagna (terra – bulbi – terra – bulbi – terra).

Poiché ogni varietà ha un tempo di fioritura diverso, otterremo un vaso con molti fiori che si alterneranno per diversi mesi. I bulbi, inoltre, sono piante rustiche e molto resistenti, che fioriranno anno dopo anno senza richiedere troppe cure e manutenzione. 

I tulipani sono senza dubbio tra i bulbi più diffusi e amati. Esistono molte varietà di tulipani neri che sono in realtà di color bordeaux o granata molto scuro.

Tra le varietà che fioriscono in primavera e di cui possiamo piantare i bulbi utilizzando questa tecnica ricordiamo: Allium, Chionodoxa, crochi, fresie, fritillarie, iris, giacinti, lillium, muscari, narcisi, ranuncoli e tulipani.

Per realizzare questo tutorial abbiamo utilizzato una confezione da 100 bulbi assortiti contenente 15 tulipani, 5 narcisi, 30 muscari, 30 crochi e 20 chionodoxa di colori differenti. Puoi utilizzare le varietà di bulbi che più ti piacciono, giocando con i colori per ottenere fioriture molto varie.

Come preparare una lasagna di bulbi passo dopo passo

Alcuni bulbi potrebbero aver iniziato la germinazione (destra) oppure avere dei mini-bulbi attaccati alla loro base (sinistra).

Anche se in questo tutorial ti mostreremo come preparare una lasagna di bulbi con fioritura primaverile, puoi seguire gli stessi consigli per quelli che fioriscono in altre epoche dell’anno. L’importante è seguire questi passaggi per la preparazione della lasagna:

  • Usa sempre del materiale di drenaggio sul fondo del vaso o della fioriera: il peggior nemico delle piante bulbose è l’eccesso di umidità, che potrebbe farle marcire.
  • Rispetta questa regola: i bulbi devono essere piantati a una profondità di 3 volte la loro dimensione. Quindi se un bulbo misura 2 cm, dovremo seppellirlo a un massimo di 6 cm dalla superficie: più a fondo potrebbe non avere la forza necessaria per emergere, mentre se lo piantiamo in superficie non sarà in grado di sopportare il peso delle sue foglie e dei suoi fiori.
  • Mantieni una distanza minima tra i bulbi ed evita che siano troppo vicini al bordo del contenitore. I vasi ci permettono di seminarli molto più vicini di quanto faremmo invece in un giardino.
  • Dopo la semina, innaffia regolarmente in modo che l’umidità attivi la formazione di radici. È molto importante soprattutto nei bulbi a fioritura primaverile, poiché dalla quantità di radici che ha generato prima dell’arrivo del freddo dipende l’abbondanza della sua fioritura.

Materiale necessario

I bulbi possono essere acquistati anche in confezioni che contengono diverse varietà, ideali per preparare la lasagna che ti proponiamo oggi.

Lasagna di bulbi passo dopo passo

Come prima cosa controlliamo la base del contenitore per assicurarci che abbia i fori di drenaggio. Se non li avesse, possiamo crearli con l’aiuto di un trapano e una punta appropriata per il materiale in cui è realizzato.

Iniziamo con un primo strato di arlite, pietra vulcanica o resti di vasi per favorire il drenaggio, saranno sufficienti pochi centimetri.

Aggiungiamo uno strato di terriccio di almeno un 5-6 cm di spessore. I bulbi che vanno posizionati sul fondo sono i più grandi ed è necessario che abbiano terra a sufficienza per poter sviluppare le loro radici.

Distribuiamo il primo strato di bulbi, sempre con la punta verso l’alto poiché è da qui che appariranno le foglie, mentre dalla base usciranno le radici.

Aggiungiamo uno strato di alcuni centimetri di terriccio e premiamo leggermente per assicurare la posizione dei bulbi appena piantati. 

jacintos-lasaña-maceta

Se necessario è possibile aggiungere substrato prima di posizionare il successivo strato di bulbi. Ripetiamo il passaggio: ricoprirli con terra, premere leggermente e procedere con la varietà successiva.

Consigliamo di non combinare più di tre varietà di bulbo per contenitore, anche se vi invitiamo a effettuare delle prove in base alle dimensioni, diametro e profondità, del contenitore che utilizzate. 

regar-lasaña-bulbos

Possiamo annaffiare i bulbi man mano che concludiamo lo strato: permetterà al terreno di depositarsi e vedremo se è necessario aggiungerne altro tra uno strato e l’altro.

Metteremo il vaso o la fioriera in una posizione soleggiata e annaffieremo regolarmente nelle prime settimane dopo la semina. Con l’arrivo dell’inverno, sarà necessario aggiungere acqua solo se il terreno si secca.

Nelle zone con inverni rigidi sarà utile utilizzare il pacciame per proteggere il terreno, oppure del telo termico per mantenere i bulbi al riparo dalle gelate.

Concludo con una nota personale, quest’anno ho avuto il coraggio di utilizzare tutti i bulbi che conteneva la confezione per creare una lasagna di 5 strati: vedremo a breve il risultato, non ho mai provato a piantare più di 4 varietà di bulbi differenti!

Ti va di raccontarci le tue esperienze nella semina dei bulbi a lasagna? Ci piacerebbe leggerle nei commenti.

Condividi:

Scrivi un commento