Condividi:

Se sei stanco di impilare pentole, padelle e casseruole, se non sai più come fare per far sì che prenderne una non significhi tirarle fuori tutte, ti conviene continuare a leggere. Oggi condividiamo un tutorial in cui ti mostriamo come organizzare gli interni dei mobili della cucina e realizzare una distribuzione ordinata e su misura per fare in modo che gli spazi siano molto più funzionali.

L’ordine e l’organizzazione sono fondamentali in cucina, è importante avere sempre a portata di mano utensili e ingredienti. In effetti, una cattiva distribuzione interna di spazi e pensili può farci sprecare spazio in cucina, che risulta già molto spesso ridotto.

Esistono accessori interni per mobili da cucina che facilitano la distribuzione interna, ma non sempre si adattano alle misure dei nostri mobili e, spesso, hanno prezzi elevati.

Per questi motivi, in questo tutorial vogliamo condividere i suggerimenti e le idee base con le quali potrai organizzare gli interni dei mobili della cucina e costruire i tuoi accessori interni.

Attrezzi e materiali

Costo, durata e difficoltà

Con questo progetto abbiamo organizzato gli interni di 3 armadi con cassetti e un ripiano scorrevole realizzato su misura, riutilizzando altri materiali di cui disponevamo. Il costo totale è stato di circa 70 €, senza contare gli attrezzi utilizzati. Dato che all’incirca questa cifra è generalmente il costo di un cassetto per le pentole, non solo risparmiamo denaro, ma realizzando noi stessi i nostri separatori interni ci assicuriamo anche che si adattino perfettamente.

Il livello di difficoltà è medio, poiché richiede esperienza nell’uso delle attrezzature elettriche, oltre che nel montaggio e assemblaggio di mobili. Anche così, alcune parti sono molto semplici (come ad esempio aggiungere un ripiano), ti consigliamo quindi di iniziare con queste attività per incoraggiarti con il resto del progetto.

Il tempo necessario per realizzare questo progetto dipenderà dalla quantità di armadi e di personalizzazioni che desideri effettuare. Solitamente, in un paio di giorni puoi riuscire ad organizzare perfettamente gli interni dei mobili della tua cucina.

Consigli e suggerimenti prima di iniziare

Prima di metterci al lavoro, ci sono una serie di consigli e suggerimenti che dovresti  tenere a mente per ottenere il massimo dai mobili della tua cucina.

Prima di tutto, ti consigliamo di eliminare quegli utensili o accessori che non utilizzi, per evitare di occupare spazio. Ti sarà utile leggere la nostra guida su come mettere ordine in casa.

Ogni armadio ha funzionalità che richiedono soluzioni specifiche e differenti. Nel nostro caso, vogliamo organizzare internamente 3 armadi che presentano queste caratteristiche:

  • Mobile con installazione del gas. L’interno di questo armadio contiene un tubo di rame su lato e una valvola di intercettazione. Sullo sportello è fissato inoltre un accessorio per posizionare i coperchi, di cui non si può fare a meno. Per questo motivo, abbiamo deciso di aggiungere un vassoio con separazioni per le padelle e un ripiano scorrevole per le pentole.
  • Mobile dei tegami. In questo caso dovevamo recuperare lo spazio occupato dalle cerniere della porta per inserire dei cassetti facili da aprire. Grazie ai cassetti riusciamo a sfruttare al meglio il fondo del mobile, dato che per accedere ai tegami dietro era necessario rimuovere quelli nella parte anteriore.
  • Mobile del lavello. La particolarità principale di questo armadio è, a causa delle sue dimensioni, il sifone lascia poco spazio libero. Per questo motivo abbiamo deciso di sfruttare i lati con una mensola e di riutilizzare il cassetto di un vecchio frigorifero come contenitore di detersivi e prodotti per la pulizia.

Come organizzare gli interni dei mobili della cucina

Ogni utensile richiede uno spazio e l’interno di ogni mobile una soluzione adatta alle necessità e agli utilizzi. Ti indichiamo di seguito i passaggi per imparare a creare la tua distribuzione interna e organizzare gli interni dei mobili della cucina nel modo migliore.

1º.- Vassoio con separatori per organizzare le padelle

Impilare le padelle una sopra l’altra non è il miglior modo per organizzarle. Questo sistema risulta infatti poco pratico quando arriva il momento di prendere quelle che si trovano sul fondo della pila. Inoltre, questa disposizione può danneggiare e graffiarle internamente.

Por questi motivi, abbiamo deciso di realizzare un vassoio con separatori per organizzare le padelle nel mobile in cui si trova anche l’installazione del gas. Nell’immagine a continuazione il disegno e le misure del vassoio.

Ecco i passaggi che abbiamo seguito:

  1. Tagliare il compensato con la sega da tavolo o la sega circolare, in modo da ottenere 2 pezzi con misura di 56×10 cm e 2 da 39×10 cm per il contorno esterno, 6 pezzi con misura 37×10 cm per le separazioni interne e un pezzo da 56×39 cm per la base.
  2. Incollare e inchiodare i pezzi che formano il contorno del vassoio e fare lo stesso con la base.
  3. Avvitare le separazioni interne in modo che ci sia tra loro una distanza di circa 7 centimetri, o quanto ritenete adatto alle dimensioni delle padelle.
  4. Proteggi l’esterno con una vernice colorante e l’interno con uno smalto all’acqua. Potete anche utilizzare la stessa vernice per tutto il vassoio, ma nel nostro caso volevamo una finitura di tipo decorativo.

2º.- Ripiano scorrevole per appendere pentole

Per sfruttare la parte superiore di questo stesso mobile, abbiamo riutilizzato il ripiano che era già presente all’interno ed è stato trasformato in un ripiano scorrevole per appendere le pentole.

Abbiamo iniziato posizionando sui lati della struttura dei listelli quadrati con lato di 3,2 cm e lunghi 45 cm. Dopo averli levigati e verniciati, avvitiamo le guide dei cassetti per far scivolare il ripiano senza andare a toccare le cerniere dell’anta.

Il ripiano è stato disegnato in modo da contenere un pezzo nella parte anteriore che ne facilita la rimozione.

I passaggi da seguire sono spiegati a continuazione:

  1. Regola la larghezza del ripiano con la sega, dato che una volta posizionati i listelli nei lati lo spazio risulta ridotto di circa 7 cm.
  2. Fissare le guide scorrevoli per cassetti. Abbiamo scelto delle guide con ruote per poter in caso rimuovere il ripiano, se necessario.
  3. Avvitare i ganci a vite per appendere le pentole.
  4. Realizza un foro con la mecchia per legno nel centro di un’asse in legno con profondità di 6 cm e la stessa larghezza del ripiano (nel nostro caso 48 cm).
  5. Dipingere l’asse con smalto all’acqua.
  6. Avvitare alla parte frontale del ripiano in modo che possa scorrere facilmente quando si inserisce il dito nel foro.

3º.- Cassetti per tegami

I cassetti possono essere utilizzati per disporre i tegami in varie file, senza doverle estrarre tutte quando si desidera scegliere quella che si trova in fondo. Il disegno è molto simile a quello del vassoio con separatori per organizzare le padelle.

Nel nostro caso, abbiamo scelto di realizzare un cassetto altro 26 cm per la parte inferiore del mobile e un altro di 16 cm per la parte superiore. Oltre a tagliare i pezzi di compensato che formano la struttura del cassetto, abbiamo tagliato alcuni pezzi aggiuntivi da posizionare sui lati interni. Questi pezzi servono per raddoppiare lo spessore del compensato, che passa quindi da 1 a 2 cm, in modo che le guide dei cassetti risultino stabili quando avvitate.

Abbiamo posizionato anche dei listelli in legno con lunghezza di 50 cm nella parte interna del mobile per poter estrarre il cassetto senza che le cerniere delle ante siano un ostacolo.

La finitura del cassetto è uguale a quella del vassoio per organizzare le padelle. Abbiamo verniciato l’esterno e pitturato con lo smalto all’acqua l’interno.

4º.- Organizzare il mobile del lavello

A volte piccoli cambiamenti significano grandi progressi nell’organizzazione degli spazi. In questo caso specifico, il sifone e le vasche del lavello occupavano molto spazio all’interno del mobile. Anche così, posizionando un ripiano con delle squadre di fissaggio e un cassetto recuperato da un vecchio frigorifero siamo riusciti ad ottimizzare questo spazio.

Il ripiano viene sfruttato per posizionare gli accessori per la lavastoviglie, mentre il cassetto può essere utilizzato per riporre i prodotti per la pulizia, ma anche come bidone per il riciclo.

Visto il risultato finale, non c’è dubbio che il vantaggio principale degli accessori per organizzare gli interni dei mobili della cucina è che ottimizzano gli spazi e li rendono molto più funzionali.

D’altra parte, se le soluzioni esistenti sul mercato non si adattano alle dimensioni e alle caratteristiche dei tuoi mobili, la migliore soluzione è realizzarli su misura seguendo i consigli e i passaggi spiegati in dettaglio in questo tutorial.

Ti sei convinto allora di quanto possa essere utile organizzare gli interni dei mobili della cucina? Non ti resta quindi che metterti all’opera per creare la distribuzione più adatta alle tue necessità.

Condividi:

Rispondi