Condividi:

Hai lavato tutto il tuo bucato ma non hai ottenuto il bianco che ti aspettavi? La tua biancheria puzza o nonostante l’uso di litri di ammorbidente, non profuma? Non sai dove stendere e come stendere al meglio? Il bucato è diventato il tuo peggior nemico? Beh, non sei il solo! Ma in questo articolo vorrei condividere con te alcuni semplici metodi e qualche utilissimo trucchetto per rendere il tutto più facile e trasformare il momento del bucato in un momento piacevole e soddisfacente!

Consiglio 1: Cesto dei panni

Se anche il tuo cesto dei panni è sempre pieno ed ogni fine settimana non sai più dove far stare la roba sporca è il momento di cambiare! In fondo, chi dice che in bagno vada utilizzato per forza un classico cesto dei panni? Spesso sono poco capienti e tutti colori finiscono mescolati tra loro, cosa che ci fa perdere tempo quando andiamo ad attaccare la lavatrice. Per questo a casa mia ho sperimentato una nuova soluzione utilizzando uno scaffale nato per tutt’altro uso!

Come fare il bucato perfetto - Cesto dei panni personalizzato
Come fare il bucato perfetto – Cesto dei panni personalizzato

Questo scaffale si compone di quattro scomparti al cui interno ho inserito quattro scatole della stessa misura. Ognuna di queste scatole contiene un differente colore dei panni o comunque una differente categoria di biancheria. Nel mio caso il primo scomparto in alto contiene il blu e scendendo troviamo il bianco, il rosso e la scatola dei capi delicati. Vedrete che questa organizzazione vi farà risparmiare un sacco di tempo al momento della preparazione delle lavatrici ed eliminerà definitivamente il caos dal vostro bagno.

Trucchetti utili

Su ogni scatola, se vi occorre, potete riportare anche la modalità di lavaggio, in modo da facilitare il caricamento della lavatrice anche ai più piccoli della famiglia.

Come fare il bucato perfetto - Etichette con modalità di lavaggio
Come fare il bucato perfetto – Etichette con modalità di lavaggio

Inoltre all’interno di ogni contenitore potete inserire una sacca di stoffa per evitare che il cattivo odore dei vestiti sporchi si trasferisca alla scatola, e naturalmente avendone altre di ricambio, potrete lavare ciclicamente anche questa sacca così da avere sempre un’organizzazione del bucato impeccabile!

Consiglio 2: lavatrice

Le lavatrici di ultima generazione ci facilitano moltissimo il lavaggio del bucato e ci danno indicazioni utilissime sul tipo di lavaggio migliore da fare per determinati tipi di tessuto. Tuttavia anche se siamo dotati di una lavatrice all’ultimo grido, qualche accorgimento in più è sempre utile e prezioso.

In base alla durezza dell’acqua ad esempio il detersivo va dosato diversamente e, se leggete attentamente le istruzioni riportate sul flacone del vostro detersivo, vi accorgerete che tutto è molto bene specificato. Utilizzare una quantità troppo grande di detersivo quando non è necessario può avere effetti controproducenti e lasciare cattivi odori all’interno della lavatrice, causati dall’accumulo di detersivo non sciolto nei filtri e nelle parti in metallo. Anche l’utilizzo dell’ammorbidente andrebbe limitato, perché per quanto ci dia la parvenza di lasciare un buon odore sui nostri capi, in realtà è nocivo per la nostra salute ed è superfluo per la pulizia della biancheria. Per questo quando possibile sarebbe meglio evitarlo. Infine scegliete programmi a basse temperature se i capi non sono particolarmente sporchi, perché vi facilitano la vita nel momento in cui dovete stirare o riporre i vostri indumenti.

Come fare il bucato perfetto - Lavatrice

Temperature e centrifughe alte scuotono forte i capi rendendoli molto spiegazzati all’uscita dalla lavatrice, mentre temperature più delicate e centrifughe più basse, appaiono più “gentili” verso la nostra biancheria.

Trucchetti utili

Per rimuovere il cattivo odore dalla lavatrice possono essere utili l’aceto di vino bianco e il bicarbonato. Una volta ogni tanto vi consiglio un lavaggio a vuoto con l’uno o l’altro per andare ad eliminare definitivamente tutti i residui che possono essere rimasti nella lavatrice.

Pulizia interna della lavatrice con aceto
Come fare il bucato perfetto – Pulizia interna della lavatrice

Mi raccomando però! Non esagerate con questi prodotti, perché per quanto naturali, alla lunga possono corrodere la lavatrice perciò è utile usarli sporadicamente solo quando è necessario! Un uso settimanale rovinerebbe la vostra macchina e porterebbe al risultato opposto!

Consiglio 3: stendibiancheria

Una volta lavato il nostro bucato va chiaramente fatto asciugare. Nelle case della maggior parte delle persone ormai troviamo oltre alla lavatrice anche l’asciugatrice, ma c’è anche chi per motivi di costi o semplicemente per mancanza di spazio, ancora non può averne una. E’ il mio caso, che ancora mi trovo a combattere con stendibiancheria sparsi per casa per gran parte dell’anno. In questo caso qualche accorgimento in più può aiutarci a stendere nel modo migliore!

Ad esempio quando possibile è utile stendere i capi piuttosto distanti l’uno dall’altro, lasciando circolare l’aria tra i fili dello stendibiancheria; in questo modo i capi asciugheranno più velocemente e si creeranno meno pieghe velocizzandoci nella fase successiva. C’è anche chi ritiene che sia meglio stendere al rovescio i capi, così come facevano le nonne, ma onestamente non ho trovato grossi vantaggi in questo senso in situazioni normali. Può essere invece un accorgimento utile nel caso in cui stendiate in un luogo in cui batte il sole molto violentemente; in questo caso il rischio sarebbe quello di far scolorire i capi ma stendendo al rovescio eventuali scoloriture rimarrebbero sull’interno degli abiti.

Trucchetto utile

Inoltre proprio per poter tenere il più a lungo possibile i capi stesi all’esterno (in modo decisamente più comodo e salutare) vorrei suggerirvi una soluzione originale ideale per tenere lontani insetti indesiderati dallo stendibiancheria in qualsiasi stagione dell’anno. In autunno e primavera infatti, città e piccoli paesi sono invasi dalle cimici, che si infilano nei capi stesi e che poi ci ritroviamo in casa o peggio addosso quando ritiriamo i panni. Ebbene con qualche metro di tenda per le mosche e un po’ di stoffa di recupero è possibile realizzare una copertura anticimici che ci permette di continuare a tenere i panni stesi sul balcone senza problemi. Qui di seguito trovate il disegno e lo schema di montaggio.

Schema di realizzazione del telo anti-cimici per stendibiancheria
Come fare il bucato perfetto – Schema del telo anti-cimici per stendibiancheria

Si tratta semplicemente di creare un parallelepipedo di stoffa in cui inserire lo stendibiancheria ed una chiusura con velcro nella parte superiore, che consente di estrarre senza fatica i vestiti al sicuro da ospiti indesiderati!

Consiglio 4: ferro da stiro

Personalmente sono del club dello “stirare il meno possibile” perché, oltre non amare molto questo passaggio, lo trovo anche un po’ uno spreco di corrente elettrica e di tempo che può essere speso in altre attività. Per questo cerco di lavare e stendere nel modo migliore possibile (con tutte le indicazioni che vi ho dato prima) in modo da poter ritirare la roba asciutta e riporla direttamente negli armadi. E’ vero comunque che ci sono alcuni indumenti che inevitabilmente vanno stirati e tra questi ci sono senza dubbio le camicie!

Come fare il bucato perfetto – Ferro da stiro

Per facilitarvi nella loro stiratura vi consiglio innanzi tutto di agire alla base, cioè di prediligere l’acquisto di camicie con lo “stiro facile”. Nel caso di camicie che già avete in casa invece aiutano moltissimo i lavaggi a bassa temperatura (30-40 gradi), stendere le camicie direttamente sulla gruccia o nella parte di colletto non visibile ed infine nella stiratura vera e propria, prediligete l’utilizzo di acqua distillata e vapore.

Trucchetto utile

Stendendo all’interno o comunque fuori ma all’interno dello stendibiancheria con telo anticimici, le mollette non servono! Spesso le mettiamo più per abitudine che per utilità ma poi i segni delle mollette dobbiamo andare ad eliminarli con la stiratura. Eliminando le mollette si guadagna tempo prima (quando stendiamo) e soprattutto dopo, perché non dobbiamo insistere sui segni per eliminarli con il ferro da stiro!

Ed eccoci arrivati alla conclusione di questo articolo. Con questi piccoli consigli il vostro bucato sarà davvero impeccabile! Diffondeteli il più possibile così da facilitare e velocizzare il lavoro a tutti quelli che per un motivo o per l’altro devono occuparsi dei lavaggi. Nel mio caso hanno fatto davvero la differenza e spero che possa essere lo stesso anche per voi!

Buon bucato!

Tati’s Things

Ti è piaciuto ” Come fare il bucato perfetto “? Cerchi altri suggerimenti per la casa? Guarda anche Profumare casa in modo naturale – Idee fai da te

Condividi:
Tati's Things
Autore

Scrivi un commento