Condividi:

I mobili in legno laminato sono pratici ed economici, ma con il passare del tempo il colore può schiarirsi o possiamo stancarci della loro finitura in finto legno. Se desideri dar loro una nuova vita, non perderti questo tutorial su come dipingere il laminato e cambiare il colore dei tuoi mobili, potrai ottenere un risultato professionale.

Attualmente, moltissimi mobili vengono realizzati con pannelli di truciolare o multistrato a media densità (DM o MDF). Questi tipi di pannelli sono formati da fibre di legno e resine sintetiche compresse. Inoltre, per fornire una finitura più attraente, priva di pori e resistente all’usura, vengono rivestiti con fogli di melammina o resine plastiche.

Uno dei principali vantaggi dei mobili in laminato è che sono disponibili in molti disegni, trame e colori. Prova di questo ne sono i progetti come la postazione trucco e la mensola con cubi intrecciati che trovi nel nostro blog.

Come accade per i mobili in legno, anche il laminato può usurarsi con l’uso quotidiano, o subire variazioni di colore. In questi casi, la pittura è un grande alleato che ti permetterà di dare nuova vita ai tuoi mobili in legno laminato.

Materiali e attrezzi per dipingere il laminato

In generale, i materiali necessari per dipingere il laminato sono classificati tra quelli utilizzati per la preparazione, la verniciatura e la finitura di mobili o superfici. Non utilizzeremo sempre tutti quelli indicati di seguito, la scelta dipenderà dall’uso dei mobili, dal tipo di vernice, ecc.

Preparazione:

Pittura:

Finitura:

Come dipingere il laminato e cambiare colore ai tuoi mobili passo dopo passo

La melamina è una superficie non porosa che richiede una serie di passaggi nel corso della verniciatura per ottenere una finitura duratura.

1º.- Preparazione del mobile in laminato

La preparazione preventiva del mobile faciliterà una buona adesione della pittura. Per questo motivo si tratta di un passaggio a cui dobbiamo prestare particolare attenzione, incominciamo:

  1. Pulire con un prodotto non saponoso o che contenga cera, per garantire una buona aderenza del colore è importante che il mobile sia privo di polvere e sporcizia.
  2. Riparare danni come graffi e scheggiature. Per farlo, utilizziamo della pasta per legno da applicare con una spatola. Una volta asciutta, potremo carteggiare per lisciare la superficie.
  3. Carteggiare la superficie con una levigatrice o con della carta vetrata a grano medio. Non è necessaria troppa energia, si tratta in questa fase solo di grattare un po’ la superficie per ottenere una presa migliore. Pulire poi la polvere con uno straccio.
  4. Proteggere il pavimento o la superficie su cui lavoreremo per evitare di macchiare con schizzi o gocce di vernice.

Alcune vernici e smalti, come la vernice a gesso o chalk paint, possono essere applicate senza carteggiatura. Tuttavia, su superfici molto lisce o ripiani in laminato, è consigliabile prima carteggiare, poiché si tratta del modo migliore per garantire una buona presa.

2º.- Dipingere un mobile in laminato

Prima di dipingere un mobile in laminato, dobbiamo prendere in considerazione una serie di aspetti, che sono:

  • Tipo di mobile e utilizzo previsto. Dipingere una cassettiera, un tavolo o le ante della cucina non è la stessa cosa. Nel caso del tavolo dovremo scegliere una vernice adatta ad un uso intensivo. D’altra parte, per dipingere invece le ante dei mobili della cucina, è necessario utilizzare una vernice antimacchia.
  • Forma e volume del mobile, in quanto influenzerà la scelta di applicazione. Per esempio, per un mobile con superfici curve o molti angoli sarà più indicato un formato di vernice spray o l’applicazione con pistola. È necessario rimuovere cerniere e altri accessori per lavorare più comodamente.
  • Colore delle base e della finitura, poiché non è la stessa cosa dipingere di bianco un mobile scuro che, viceversa, scurire un mobile chiaro.
  • Finitura della vernice: può essere opaca, satinata, lucida o patinata.

Tenendo conto di queste considerazioni preventive, i passaggi successivi saranno la scelta del tipo di pennello o rullo, l’applicazione di primer e vernice.

Tipo di pennello o rullo

Nella scelta tra pennello o rullo, è necessario tenere presente che quelli in pelo naturale sono i più indicati per le vernici sintetiche, mentre quelle in pelo sintetico sono più adatti per le vernici a base d’acqua.

Il pennello viene di solito utilizzato per pitturare angoli e posizioni di difficili accesso, mentre con il rullo è possibile stendere la vernice in modo più uniforme.

Per ottenere una finitura extra sottile e senza segni, consigliamo i rulli in microfibra, in spugna senza pori o i rulli in teflon.

Sarà inoltre necessaria una vaschetta per eliminare l’eccesso di vernice dal pennello e dare degli strati sottili di pittura.

Applicare il primer

Come prima cosa applichiamo il primer. Il primer o aggrappante è un fissativo che facilita l’adesione delle vernici su superfici porose o non porose come il laminato.

Attualmente, esistono vernici che non richiedono primer, ma ne raccomandiamo comunque l’uso quando i mobili sono sottoposti a un utilizzo intensivo, oppure quando la base presenta un motivo stampato o si ha un forte cambio di colore (per esempio da nero a bianco). In questi casi il primer formerà una base unificante e contribuirà a dare risalto al colore della vernice.

È consigliabile dare un paio di strati con pennello o rullo, lasciando il tempo di asciugatura raccomandato dal produttore e levigando tra strato e strato.

Dipingere il laminato

Esiste sul mercato una vasta gamma di vernici per dipingere il laminato: smalti sintetici e acrilici, vernici a gesso, pitture decorative con effetti, epossidiche …

Il modo più comune per dipingere i mobili in melamina è usare smalti e vernici a gesso o chalk paint. I primi sono robusti e resistenti, mentre i secondi risultano ideali per fornire ai nostri mobili un effetto vintage.

D’altra parte, nel caso di dover verniciare un piano di lavoro in cucina o una superficie soggetta a usura, si consiglia di utilizzare una vernice epossidica o particolarmente adatta per un uso intensivo.

L’applicazione della vernice è simile a quella del primer: bastano un paio di strati, intervallati da carteggiatura, e attendere il tempo raccomandato dal produttore affinché la vernice acquisisca una durezza e un’adesione corretta.

3º.- Dare una finitura professionale

Per dare una finitura professionale ai nostri mobili, l’ultimo strato andrà carteggiato con una carta vetrata, ecco i passaggi:

  1. Inumidire la superficie con uno spruzzino
  2. Realizzare movimenti circolari con una carta vetrata a grana molto fine (500 o superiore)
  3. Asciugare l’umidità in eccesso con un panno

In questo modo, verranno rimossi i segni di pennello o rullo e forniremo una finitura laccata.

D’altra parte, a seconda del tipo di vernice o dell’uso che daremo ai mobili, a volte sarà necessario applicare uno strato di vernice per fornire una protezione aggiuntiva contro attrito e usura. Inoltre, possiamo anche utilizzare cere per creare patine ed effetti, dando più personalità al mobile.

Consigli per dipingere i tuoi mobili

Per concludere, eccoti una serie di consigli che saranno utili per dipingere i tuoi mobili in laminato o altro materiale:

  • Prima di iniziare, testa la pittura in una zona poco visibile per avere un’idea del risultato finale una volta applicata e poter correggere se non ti piace.
  • Approfitta per rinnovare anche maniglie, pomelli e gambe del mobile, in caso.
  • Conserva i raccordi e le viti in un barattolo per non perderli e poterli posizionare di nuovo una volta finito.
  • Decapa (ovvero rimuovi) i vecchi strati di smalto prima di pitturare di nuovo un mobile già pitturato. In questo modo eviterai di ispessire troppo la superficie.
  • Quando si tratta di rinnovare l’aspetto di un mobile, non dipende tutto dalla pittura. Scatena la tua creatività e combina vernice con carta o tessuto per dare personalità e nuova vita al tuo pezzo di arredamento preferito.

Speriamo che questa guida pratica su come dipingere il laminato e cambiare colore dei tuoi mobili abbia risolto i tuoi dubbi e ti incoraggi a rinnovare e cambiare l’aspetto dei tuoi mobili.


Condividi:

Rispondi