Imparare come annaffiare le piante è una delle prime preoccupazioni per la maggior parte delle persone che iniziano a prendersi cura del proprio orto o giardino.

Ogni pianta ha bisogno di una quantità d’acqua differente dalle altre e, inoltre, potrà variare a seconda della stagione in cui ci troviamo. Influisce inoltre la capacità di ritenzione dell’umidità della terra o terriccio, così come  la grandezza del vaso o della fioriera.

Speriamo che questi consigli vi siano d’aiuto e che il momento dell’annaffiatura possa diventare un’attività rilassante.

Come annaffiare le piante 

Fino a quando non ci abitueremo alla capacità di ritenzione d’acqua del nostro terriccio, la cosa migliore è iniziare ad annaffiare con un classico innaffiatoio.
In alternativa, possiamo utilizzare un
tubo per irrigazione dotato di pistola da irrigazione regolabile.

Annaffiate poco alla volta:

Prima una pianta, passate alla successiva, e infine ripartite dalla prima. In questo modo l’acqua filtrerà nella terra idratandola al meglio.

Nei vasi:

Smetteremo di annaffiare quando vedremo uscire acqua dal foro di drenaggio, mentre se è a terra ci dovremo regolare con la quantità che pensiamo necessaria per il momento dell’anno in cui ci troviamo.

come Annaffiare

10 consigli di irrigazione:

  1. Tutta l’acqua che fuoriesce dai fori di drenaggio è acqua in eccesso che porta con sé parte dei nutrienti. Trovare la misura giusta di acqua di cui ogni pianta ha bisogno ci aiuterà a evitare questa perdita e risparmieremo quindi acqua e fertilizzanti.

  2. Annaffiamo la terra, non la pianta. Come regola, dobbiamo evitare di innaffiare le foglie per non facilitare (involontariamente) la formazione di funghi.

  3. Per lo stesso motivo, non dovremo annaffiare direttamente sul tronco principale, ma ad alcuni centimetri di distanza, sul terriccio.

  4. Non innaffiate da un’altezza eccessiva, la forza dell’impatto dell’acqua può spostare le piante appena trapiantate che ancora non hanno messo radici.

  5. Una pianta appena trapiantata non avrà bisogno della stessa quantità d’acqua di una pianta adulta. Bisognerà incrementare la quantità proporzionalmente alla sua crescita, oltre che in funzione del meteo e del clima.

  6. Non lasciate seccare il terriccio completamente prima di annaffiare di nuovo.

  7. Controllate l’aspetto dello strato superiore e verificate il suo grado di umidità prima di procedere. L’aspetto dello strato superiore del terreno può ingannare, solitamente si asciuga rapidamente per il calore o l’esposizione al sole.

  8. Ricordate che nel grado di umidità può influire anche il tipo di terriccio utilizzato e la sua capacità di ritenzione dell’acqua, il tipo di vaso e la stagione in cui ci troviamo.

  9. Quando il terreno è secco, tende a separarsi dai lati del vaso, ciò può ingannarci in quanto l’acqua cerca sempre il sentiero più veloce per scendere, e vedendola fuoriuscire possiamo pensare di aver annaffiato abbastanza, quando può non essere vero.

  10. Il miglior consiglio sull’irrigazione è quello di imparare a osservare le piante, l’aspetto delle loro foglie sarà determinante per sapere se hanno bisogno di ricevere più acqua. Piuttosto che esagerare, è meglio essere cauti e innaffiare poco. Se hanno bisogno di più acqua, le foglie te lo faranno capire.

L’acqua piovana è perfetta per irrigare e, in più, è gratis! Se hai spazio, ti consigliamo di dotarti di alcuni serbatoi per recuperare l’acqua per il tuo orto o giardino.

come Annaffiare

Qual è il miglior momento della giornata per annaffiare?

Per esperienza potrei dire che è quello che ti permette di farlo senza fretta. Di solito è un momento di relax, per controllare lo stato delle piante, scoprire i primi fiori o frutti e verificare lo stato del tuo giardino.

In inverno è raccomandabile annaffiare il mattino, quando le temperature iniziano a salire durante il giorno. Se abbiamo problemi di orari, meglio valutare in funzione alla possibilità di gelate notturne della zona.

In estate, dovremmo annaffiare due volte al giorno: al mattino presto e al tramonto; se possiamo solo una volta, che sia preferibilmente al tramonto. Durante il giorno, le foglie traspirano e, per azione del sole, perdono acqua.

Speriamo che questi consigli di irrigazione possano esserti utili.

Conosci qualche altro trucco che vuoi condividere con noi?
TI ASPETTIAMO NEL NOSTRO GRUPPO DEDICATO AL GIARDINAGGIO!

come annaffiare

 

 

Leave a Reply