Categoria

Consigli

Categoria

Oggi ti sveleremo tutti i segreti per concimare le piante! Uno dei concetti più difficili da assimilare quando compriamo una pianta è la necessità di alimentarla regolarmente, ed è per questo che oggi vogliamo parlare dell’importanza del fertilizzante, il suo cibo. Solitamente pensiamo che la terra delle nostre piante e un’irrigazione costante sia più che sufficiente. Ed è vero se durante i primi mesi abbiamo acquistato un sacco di terriccio per trapiantarla. Questa terra contiene torba o fibra di cocco, che sono materiali spumosi e permeabili che sosterranno la pianta e ci permetteranno mantenere l’umidità. Alcuni produttori aggiungono anche perlite, quelle palline bianche che sembrano porexpan e che aiutano a rendere il substrato più spugnoso. Nella miscela c’è anche del fertilizzante, che può avere origine organica (come il guano, il compost o l’humus di lombrico), oppure inorganica, con sostanze di origine minerale prodotte dall’industria chimica o derivanti dallo sfruttamento di…

A nessuno fa piacere vedere le proprie piante riempirsi di afidi, o che appaiano altri parassiti. Per questo, dal blog di ManoMano vogliamo darti qualche consiglio per prevenire i parassiti e far crescere le tue pianti forti e sane. 1. Una pianta ben concimata, resiste meglio ai parassiti Sapevi che gli insetti prediligono le piante più deboli? Per questo motivo, il nostro primo consiglio è di non dimenticare di concimarle con regolarità. Una pianta sana è molto meno attraente per loro e molto più produttiva per noi! Puoi utilizzare un concime generico per piante da fiore o per quelle dell’orto. Ci sono concimi specifici per le rose, i gerani, addirittura per i bonsai. L’importante è seguire sempre le indicazioni del produttore, perchè anche un uso eccessivo di concimi e fertilizzanti può essere dannoso. Gli afidi (nella foto qui sotto) preferiscono le piante ricche di azoto. Un eccesso di questa…

Imparare come annaffiare le piante è una delle prime preoccupazioni per la maggior parte delle persone che iniziano a prendersi cura del proprio orto o giardino. Ogni pianta ha bisogno di una quantità d’acqua differente dalle altre e, inoltre, potrà variare a seconda della stagione in cui ci troviamo. Influisce inoltre la capacità di ritenzione dell’umidità della terra o terriccio, così come la grandezza del vaso o della fioriera. Speriamo che questi consigli vi siano d’aiuto e che il momento dell’annaffiatura possa diventare un’attività rilassante. Come annaffiare le piante Fino a quando non ci abitueremo alla capacità di ritenzione d’acqua del nostro terriccio, la cosa migliore è iniziare ad annaffiare con un classico innaffiatoio. In alternativa, possiamo utilizzare un tubo per irrigazione dotato di pistola da irrigazione regolabile. Annaffiate poco alla volta: Prima una pianta, passate alla successiva, e infine ripartite dalla prima. In questo modo l’acqua filtrerà nella…

Non sappiamo perché, ma quando si parla di potatura non ci sono vie di mezzo: c’è chi non tocca mai le sue piante e altri che invece tagliano come se non ci fosse un domani. Dal blog di ManoMano vi vogliamo aiutare ad orientarvi su quando potare due delle piante più tipiche e presenti nei nostri giardini. Ecco i nostri consigli su quando potare e come! Avrete bisogno di: forbici da potatura (esistono anche modelli per mancini) potatrici e troncarami pasta cicatrizzante concime radicante Quali piante devono essere potate e quando? La risposta migliore è che non bisogna potare tutte le piante e nemmeno nello stesso momento dell’anno. Ad esempio, le ortensie fioriscono sulle gemme che hanno formato l’anno precedente. Se le potiamo in inverno andiamo ad eliminare queste gemme e durante l’anno non avremo fiori. Il miglior momento per farlo è appena dopo la fioritura, quando tagliamo i fiori…

Non ci sono dubbi, le piante portano allegria in ogni ambiente, però spesso ci chiediamo quali possiamo coltivare in condizioni di poca luce. In realtà non esistono piante da interno ma piante che si adattano bene agli ambienti interni. Le piante, nel loro habitat naturale, crescono in natura, siamo noi che proviamo ad imitare questo habitat nelle nostre case. Dato che non tutte le piante tutte crescono in ambienti soleggiati, possiamo posizionarle nel soggiorno, in salotto o in cucina, oppure nelle nostre terrazze o nei balconi orientati a nord. Vediamo quali piante coltivare con poca luce! Le necessità di luce delle piante orticole Quando pianifichiamo un orto la luce è uno dei fattori principali di cui tener conto, da cui dipende la buona riuscita dei raccolti. Però, cosa possiamo fare se abbiamo a disposizione solo luoghi con poca luce? Se il vostro sogno è coltivare piante di pomodori, peperoni, melanzane…