Categoria

Consigli

Categoria

Le piante pendenti da interno sono molto decorative. Si adattano senza problemi a spazi luminosi, trasformando qualsiasi parete, mobile o mensola in una piccola giungla. Speriamo che questa selezione, adatta a spazi e case di qualsiasi dimensioni, vi sia di aiuto per trovare la vostra soluzione preferita. Pothos Pothos argentato o Scindapsus pictus. Attende l’arrivo della primavera per aumentare la produzione di nuove foglie. Non potevamo scegliere una pianta migliore per iniziare questo elenco. Nonostante possa sembrare una pianta vecchia, esistono varietà di pothos incredibili oltre alle tipiche dalle foglie verdi o leggermente variegate che siamo soliti vedere da sempre. Oggi vediamo il Scindapsus pictus o pothos argentato, una pianta pendente da interni di cui ci siamo innamorati per le sue foglie, anche se ancora non sapevamo si trattasse di un pothos. Si cura come una qualsiasi pianta di pothos: molta luce senza sole diretto, lasciar asciugare leggermente il terriccio…

La primavera è alle porte e molte delle nostre piante potrebbero gradire un cambio di vaso. Quelle appena acquistate per le nostre aiuole o fioriere sono invece pronte per abbandonare il vaso in cui sono cresciute nel vivaio ed essere piantate a terra. In questa guida passo dopo passo vedremo insieme come trapiantare le piante in modo corretto. Materiali necessari per trapiantare Terriccio e materiale di drenaggio Ogni tipo di pianta richiede un substrato adatto alle sue necessità, è un errore pensare che esista un terriccio universale per tutte le piante. Le piante acidofile (azalee, rododendri, eriche e camelie) ad esempio, preferiscono terra con pH inferiore a 7, per questo esiste un terriccio specifico per acidofile. I cactus e le piante grasse preferiscono terricci morbidi e porosi, ben drenanti per evitare il ristagno dell’acqua. Il cosiddetto terriccio universale è adatto ad un gran numero di piante, ma si riscontrano delle…

La Begonia maculata è una delle mie piante preferite. Me ne sono innamorata la prima volta che ho visto quelle macchie bianche sulle sue foglie, doveva essere mia! È conosciuta come Begonia ali di angelo, per la forma delle sue foglie, e si coltiva come pianta da interno grazie alla sua origine tropicale, vediamo insieme come prendersi cura della Begonia Maculata.  Come prendersi cura della Begonia Maculata Ci troviamo davanti ad una pianta semplice da coltivare, soprattutto se sei a conoscenza di alcuni dettagli sui quali fare attenzione. Tra tutti sottolineiamo il tema dell’irrigazione che, come vedremo in seguito, dovrebbe essere effettuata quando il terriccio risulta completamente asciutto. Con una buona esposizione alla luce e facendo attenzione all’irrigazione, la Begonia maculata crescerà senza problemi in casa. Luce La Begonia maculata è una pianta che non ha bisogno di tanta luce come le altre piante da interno di cui abbiamo parlato…

Gli amanti delle piante amano regarle o riceverne in regalo e con S.Valentino dietro l’angolo, quale regalo migliore di una pianta con foglie a forma di cuore?Te ne suggeriamo alcune nel caso in cui tu stia cercando ispirazione su cosa regalare all’amore della tua vita, a qualcuno di speciale o persino a te stesso. Hoya kerrii, la pianta grassa a forma di cuore Abbiamo già parlato di come prendersi cura della Hoya ma nell’articolo di oggi, non possiamo evitare di iniziare con Hoya kerrii, le cui foglie hanno una forma a cuore quasi perfetta. Pianta grassa a crescita lenta, non è raro trovare piccoli vasi con una sola foglia come quello in foto. La loro cura è simile a quella delle altre Hoyas (bisogna innaffiarle quando il substrato si asciuga e paga un paio di volte al mese dalla primavera all’autunno). Le foglie uniche come quelle nell’immagine impiegano molto tempo…

Non ci preoccupiamo del fatto che le piante possano essere tossiche per gli animali fino a quando non vediamo uno dei nostri animali domestici mordicchiarle. Possono causare loro dei problemi? Come fare in modo che le rispettino e imparino a convivere senza problemi? Vediamo insieme quali sono le piante tossiche per gli animali e come puoi mantenerli a distanza dalle più pericolose. Come impedire al tuo animale domestico di mangiare le tue piante (che siano tossiche o meno) Esistono diverse ragioni per cui un animale può decidere che mordicchiare alcune piante sia una buona. Le più comuni sono la curiosità e la noia, possono essere facilmente risolte educandoli fin da cuccioli. I giochi per cani o per gatti possono essere di aiuto nell’attirare il loro interesse e distrarre la loro attenzione da quelle piante che tanto sembrano piacergli. È importante anche lasciare acqua fresca a portata di mano durante i…