Categoria

Consigli

Categoria

Imparare come annaffiare le piante è una delle prime preoccupazioni per la maggior parte delle persone che iniziano a prendersi cura del proprio orto o giardino. Ogni pianta ha bisogno di una quantità d’acqua differente dalle altre e, inoltre, potrà variare a seconda della stagione in cui ci troviamo. Influisce inoltre la capacità di ritenzione dell’umidità della terra o terriccio, così come la grandezza del vaso o della fioriera. Speriamo che questi consigli vi siano d’aiuto e che il momento dell’annaffiatura possa diventare un’attività rilassante. Come annaffiare le piante Fino a quando non ci abitueremo alla capacità di ritenzione d’acqua del nostro terriccio, la cosa migliore è iniziare ad annaffiare con un classico innaffiatoio. In alternativa, possiamo utilizzare un tubo per irrigazione dotato di pistola da irrigazione regolabile. Annaffiate poco alla volta: Prima una pianta, passate alla successiva, e infine ripartite dalla prima. In questo modo l’acqua filtrerà nella…

Non sappiamo perché, ma quando si parla di potatura non ci sono vie di mezzo: c’è chi non tocca mai le sue piante e altri che invece tagliano come se non ci fosse un domani. Dal blog di ManoMano vi vogliamo aiutare ad orientarvi su quando potare due delle piante più tipiche e presenti nei nostri giardini. Ecco i nostri consigli su quando potare e come! Avrete bisogno di: forbici da potatura (esistono anche modelli per mancini) potatrici e troncarami pasta cicatrizzante concime radicante Quali piante devono essere potate e quando? La risposta migliore è che non bisogna potare tutte le piante e nemmeno nello stesso momento dell’anno. Ad esempio, le ortensie fioriscono sulle gemme che hanno formato l’anno precedente. Se le potiamo in inverno andiamo ad eliminare queste gemme e durante l’anno non avremo fiori. Il miglior momento per farlo è appena dopo la fioritura, quando tagliamo i fiori…

Non ci sono dubbi, le piante portano allegria in ogni ambiente, però spesso ci chiediamo quali possiamo coltivare in condizioni di poca luce. In realtà non esistono piante da interno ma piante che si adattano bene agli ambienti interni. Le piante, nel loro habitat naturale, crescono in natura, siamo noi che proviamo ad imitare questo habitat nelle nostre case. Dato che non tutte le piante tutte crescono in ambienti soleggiati, possiamo posizionarle nel soggiorno, in salotto o in cucina, oppure nelle nostre terrazze o nei balconi orientati a nord. Vediamo quali piante coltivare con poca luce! Le necessità di luce delle piante orticole Quando pianifichiamo un orto la luce è uno dei fattori principali di cui tener conto, da cui dipende la buona riuscita dei raccolti. Però, cosa possiamo fare se abbiamo a disposizione solo luoghi con poca luce? Se il vostro sogno è coltivare piante di pomodori, peperoni, melanzane…

È giunta l’ora di preparare il semenzaio per le piante che ci accompagneranno durante primavera ed estate. Ecco alcuni trucchi per realizzare con successo il tuo semenzaio. Materiali: Semi Terriccio Vassoi con alveoli Vaporizzatore 1 – Verifica che sia il momento migliore per seminare Le bustine di semi normalmente riportano un grafico in cui il produttore specifica la stagione per la coltivazione di ogni varietà. Infatti, la temperatura può condizionare totalmente la germinazione dei semi. Per questo, può essere di aiuto utilizzare un germinatore elettrico, che creerà le condizioni necessarie per accelerare il processo. Normalmente puo preparare il tuo semenzaio in vassoi ad alveoli, o in vasetti preparati per lo scopo. I semi sono così piccoli che è più semplice tenerli sotto controllo in questo modo. Immagina dei semi (como quelli in foto) dispersi nell’immensità della terra, nell’orto o nel giardino. Come potremmo essere sicuri che quello che sta nascendo…

Ecco i segreti per coltivare in vaso alcuni ortaggi, perfetti per tutti quelli che non hanno a disposizione un giardino. Ecco una serie di schede pratiche su come coltivare in vaso ortaggi che normalmente compriamo dall’ortolano. La semina è una delle primissime attività che l’uomo abbia fatto su questo pianeta. Non è necessario possedere un pezzetto di terra per raccogliere un ortaggio fresco da mangiare. Anche in un appartamento possiamo seminare. Usando un semplice vaso si può ottenere la soddisfazione di cogliere, con le proprie mani, il frutto che alimenterà il nostro organismo. 1 – Anguria nana: Quando la temperatura inizia a salire intorno ai 20°, si potrà procedere alla semina di questa piccola ma gustosissima anguria. Si comincia piantando 3 o 4 semi nell’apposito vaso, e dopo la germinazione della prima piantina, si selezionerà solo la più forte. Semina: Per ogni pianta è necessario un vaso capiente circa 40…