Autore

Tati's Things

Browsing

Vi siete mai chiesti quanti flaconi di plastica finiscono nella spazzatura nel corso di un anno? Purtroppo, anche se nell’ultimo periodo ci stiamo sensibilizzando rispetto al problema dei rifiuti in plastica, ancora moltissimi detersivi, saponi, prodotti per il bagno o per la pulizia sono venduti all’interno di flaconi di plastica. Sicuramente utilizzarne il meno possibile sarebbe la cosa migliore da fare, ma consideriamo anche che i flaconi che utilizziamo non devono per forza di cose essere destinati alla spazzatura! Questi contenitori in plastica infatti sono perfetti per essere riutilizzati all’interno della nostra stessa casa. Basta qualche piccola modifica e un po’ di fantasia. Ora andiamo a vedere come trasformare tre differenti flaconi in tre nuovi oggetti per la nostra casa. Idea 1: trasformare i flaconi del balsamo Occorrente: contenitori del balsamovernice sprayspagocolla a caldobicchieri di plasticaforbicipiantine aromatiche o piantine grassemollette decorative in legno Procedimento: Il nostro obiettivo è quello di…

Arriva l’autunno ed è un po’ come se nell’aria trasportasse anche quella nuova voglia di arricchire le nostre case per renderle più calde, più accoglienti, più curate e decorate. Se è vero che non sempre è possibile fare grandi cambiamenti, è altrettanto vero che non serve poi molto per abbellire un po’ gli spazi che viviamo quotidianamente. Approfittate ad esempio di una passeggiata all’aria aperta, in un parco (se siete in città) o nei boschi (se siete più fortunati e vivete in una zona montana) e guardatevi attorno; le foglie, le castagne, i legnetti, i ricci…sono tutti elementi perfetti per portare in casa un po’ di autunno ad un costo veramente bassissimo. Perciò andiamo subito a vedere come mettere insieme questi piccoli doni della natura per decorare casa per l’autunno! Foglie sospese Occorrente: foglie dai colori autunnali (almeno una decina)forbiciferro da stiromollettine di legnopittura acrilica biancafilo di lucine (o semplice…

Alzi la mano chi non ha in casa, nascosto in qualche cassetto o abbandonato in qualche armadio, un vecchio stick di burrocacao praticamente vuoto. Tra l’altro questi stick sono costruiti in modo tale che l’ultima parte di burrocacao risulta praticamente inutilizzabile se non scavandoci dentro con le dita. Questo ci porta, nella maggior parte dei casi, a non buttare lo stick perché ancora non completamente vuoto, ma difficilmente ad utilizzarlo ancora. Per questo, nelle righe che seguono, vi proporrò tre modi differenti per riutilizzare gli stick di burrocacao vuoti e trasformarli in oggetti nuovamente utili nella vita di tutti i giorni. Come riutilizzare gli stick di burrocacao vuoti Andiamo a vederli! Sapone portatile Occorrente: stick di burro cacao vuotoavanzi di saponetteacquavecchi pentolinicoltello e cucchiaino Procedimento: Step 1: Sciogliere il sapone Prendete una saponetta (o dei rimasugli di sapone) e riducetela in piccole scaglie. Per uno stick di queste dimensioni 30…

Non tutti i tipi di pasta sono venduti all’interno di scatole di carta ma, se come me, utilizzate la pasta impacchettata nel cartone, sono sicura che nella vostra vita avrete buttato un sacco di questi contenitori dal cartone sottile ma piuttosto resistente. Un vero peccato! Perciò, ad un certo punto, da irrecuperabile creativa, mi sono detta: perché continuare a buttarle via? Da qui è nata l’idea di riutilizzare le scatole della pasta in modo alternativo. Con qualche modifica e un po’ di aggiustamenti infatti, è possibile trasformare questi contenitori vuoti in pratici organizzatori per la scrivania o per i cassetti in generale. E naturalmente per ottenere questi organizzatori fai da te sono perfette, non solo le scatole della pasta, ma praticamente tutte le scatole di cartone che contengono i prodotti che acquistiamo quotidianamente (scatole delle saponette, del dentifricio, del tè, dei cereali, dei salvaslip, per fare qualche esempio pratico). Riutilizzare…

I quadri di foglie sono un classico dell’arredamento moderno. Con i loro colori vivaci, lo stile minimal, i disegni e le stampe naturali, si adattano senza difficoltà ad ogni zona della casa, arricchendo l’ambiente ma con un impatto leggero sulle pareti. Sono però talmente diffusi ormai, che il rischio di trovarne due uguali in case diverse è abbastanza alto. E allora se, come me, amate questi motivi naturali ma al tempo stesso volete distinguervi con quadri unici e personalizzati, potete realizzarne alcuni con le vostre mani, utilizzando vere foglie raccolte in giro. Andiamo a vedere come! Quadri di foglie fai da te Occorrente: foglie verdicarta da fornoferro da stirocorniciPC (o carta e tratto-pen nero)cartoncino biancoforbici Procedimento: Step 1 Per prima cosa, trovate delle belle foglie verdi da conservare! Io ho deciso di mettermi all’opera con questi quadri subito dopo il mio matrimonio; avevo ricevuto mazzi fioriti e piante di ogni…