Condividi:

La magia del Natale si sente già nell’aria. Le strade cominciano a riempirsi di luci e di altre decorazioni colarate. Le persone sono già in festa, sono felici. Ci si prepara al meglio cercando il regalo perfetto per le persone importanti.

Anche nelle nostre case il Natale sta arrivando. A Dicembre si tirano fuori i vecchi scatoloni pieni di decorazioni per creare l’atmosfera giusta. C’è una cosa che non puo assolutamente mancare nella nostra casa: l’albero di Natale! Anche perchè altrimenti Babbo Natale non saprebbe proprio dove mettere i regali 😉

Alberi di natale finti o veri? Qual è l’albero di Natale giusto per voi? Seguite i nostri consigli per scegliere l’elemento decorativo per eccellenza del vostro Natale!

Da dove viene l’albero di Natale?

Tanti tanti anni fa, tra il 2000 e il 1200 a.C., i Celti seguivano un calendario basato sui cicli lunari. Ad ogni mese era attribuito un albero. Al mese del 24 Dicembre era associato un abete.

Più tardi la Chiesta ha istituito il 25 Dicembre la celebrazione del Natale, ovvero la nascita di Ges. Fino all’XI secolo, l’albero di Natale, decorato con una mela rossa, rappresentava l’albero del Paradiso.

Nel XV, si è incominciato a decorare l’albero di Natale con una stella posta sulla punta, per simboleggiare la stella polare di Betlemme. Poi sono cominciate ad apparire sull’albero anche tante luci: prima candele e poi piccole lampadine.

Oggi ci si puo davvero divertire con le varie decorazioni dell’albero di Natale! Bisogna solo lasciare spazio alla fantasia!

Alberi di Natale naturali, per tutti i gusti e di tutti i colori

Se pensate che gli alberi di Natale sono tutti uguali, vi state proprio sbagliando. Esistono abeti di diversi colori:

  • Abete Omorika: noto per i suoi riflessi argentati
  • Abete Nobils: i suoi rami hanno una tinta bluastra
  • Abete Coreano: dalle tonalità verdi e argentate
  • Abete Grandis: si distingue per la densità dei suoi aghi e per il forte profumo che emana
  • Abete Pungens: i suoi aghi sono lunghi e taglienti
  • Abete Nordman: è il più conosciuto. I suoi aghi non cadono
  • Abete Picea: è il tipico albero di Natale

Albero di Natale

Oltre alla forma e al colore, è possibile scegliere il “taglio” dell’albero di Natale.

  • L’albero con le radici: questo tipo di albero vi permetterà di piantare il vostro albero in giardino dopo le vacanze. Anche se questo albero è più ingombrante, è più stabile e perde meno foglie poichè assorbe molta acqua.
  • L’albero tagliato alla base: più pratico e meno ingombrante. Si puo facilmente trasportare da una stanza all’altra senza molta fatica. Dopo Natale però non si puo ripiantare. Inoltre non è molto stabile.

Alberi di Natale artificiali

Forse avete già sentito parlare di alberi di Natale artificiali. Bisogna dire che gli alberi di Natale naturali sono più rispettosi dell’ambiente perché crescono in un ambiente naturale, sono al 100% biodegradabili e promuovono l’ecosistema. Però è anche vero che gli alberi artificiali possono essere riutilizzati per anni. Sono facili da montare e da smontare e sono disponibili in tantissimi modelli differenti.

Oggi, per i più pigri, sono disponibili degli alberi artificiali già decorati e pronti all’uso!Albero di NataleCosa succede agli alberi dopo il Natale?

Se avete un albero naturale e non volete, o non potete, piantarlo nel vostro giardino, avete due possibili soluzioni:

  • Lasciarlo presso un punto di raccolta per gli alberi di Natale;
  • Utilizzarlo come legna da ardere. Se tagliate i rami e il fusto, l’albero vi può aiutare a riscaldare la casa nei giorni più freddi dell’anno.

Se invece avete un albero artificiale, dovete coprirlo bene e riporlo in un posto riparato. Spolveratelo prima di metterlo via, cosi sarà già pronto per il prossimo anno!

Ora che sapete tutto sugli alberi di Natale, siete pronti per scegliere quello più adatto a voi e alla vostra casa!

Condividi:
ManoMano
Autore

Scrivi un commento