Condividi:

Preparatevi a un 2020 in blu. Il Pantone Color Institute ha decretato infatti che il Classic Blue 19-4052 sarà il colore del prossimo anno, dopo il Living Coral del 2019: quindi ci aspettano 12 mesi di tinta profonda e comunicativa.

«Un blu sconfinato che rievoca il vasto e infinito cielo serale, ci incoraggia a guardare aldilà dell’ovvio per pensare più in profondità e fuori dagli schemi, ampliare i nostri orizzonti e favorire il flusso della comunicazione», spiega Leatrice Eiseman, direttore esecutivo del Pantone Color Institute.

2020 in blu

Colore intramontabile nella palette delle tinte più amate, può essere facilmente declinata anche all’interno delle nostre case, portando con sé una sfumatura che invita alla riflessione, aiutandoci nella rifocalizzazione dei pensieri e nella concentrazione.

Colore rasserenante, può entrare in ogni ambiente della casa, dal soggiorno alla camera da letto, dallo studio al bagno. 

A essere sincera, la camera dove ho trascorso la mia infanzia, era tappezzata di blu. E ancora oggi mi mancano quelle quattro pareti così rassicuranti e rilassanti. Quindi, quest’anno potrei decidere di tingere, se non tutta la casa, almeno qualche angolo: quello dove scrivo i miei romanzi, per esempio, ma anche la quinta di cartongesso dietro la tv, per immergermi letteralmente nelle storie della paytv, magari abbinata a una console o a un tappeto color sabbia, oppure ocra… E se fosse il divano a diventare blu come un’onda? In questo caso, via libera a un pavimento color acqua ghiacciata, fresco e rigenerante, o l’intramontabile acquamarina sui complementi d’arredo, ma anche al verde menta, associato alla nuova coscienza climatica ed ecologica.

2020 in blu

E in cucina? Via al giallo mais ancora una volta abbinato al blu o al grigio resina. In camera da letto, invece, sì alle nuance lavanda o indaco, i colori dell’introspezione e della meditazione.

Infine, sì ai complementi specchiati, scintillanti, anche metallici. Ma soprattutto sì all’istinto che, al di là della moda e delle previsoni dei color influencer, ci fa scegliere i colori che abbiamo bisogno di avere intorno. Ognuno, infatti, ha diritto di stabilire la  palette del proprio personalissimo pantone. Io,  ad esempio, ho bisogno di cose rosse, in casa: pareti, decori, lampade. Perché il rosso accende la mia vitalità e il mio buonumore. Ho bisogno anche, per contrasto, di bianco per restare focalizzata quando scrivo. E non c’è mai nulla di nero… negli spazi dove abito. Nemmeno un elettrodomestico! Almeno sino a che non cambierò idea, anzi pantone.

Condividi:

Rispondi